Regolamento Esame Finale

Art. 1- Tesi di Specializzazione in Psicoterapia Dinamica Breve e prova finale

La Tesi di Specializzazione in Psicoterapia Dinamica Breve costituisce la conclusione del percorso formativo dello specializzando; essa consiste nella preparazione di una tesi di psicoterapia su un caso clinico e di una  tesina per uno o più argomenti clinici di psicoterapia dinamico breve. Lo specializzando, dopo il completamento e superamento dell’ultimo anno di corso, sostiene la prova finale della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Dinamica Breve. La prova finale consiste nella discussione degli elaborati (a; b.)

Art. 2- Argomento della tesi

Le prove consistono nella discussione e nella valutazione di:

  1. una tesi scritta di psicoterapia su un caso clinico, con supervisore (tesi rilegata);
  2. una tesina di argomento clinico psicoterapeutico inerente al modello della Scuola (tesina).

 

Art 3- Assegnazione del ruolo di Relatore/Correlatore e Supervisore

Il Relatore della tesi può essere scelto dal candidato esclusivamente fra i docenti afferenti all’Area Specifica della Scuola (Albanese M. P., Bianco P., De Michele L., D’Ilario A., Limoncelli L., Mammana G.). Il terapeuta personale non può essere relatore del candidato. Il Correlatore è designato dalla Scuola.

Il candidato sarà tenuto a portare in supervisione in aula il suo lavoro di tesi con il docente/relatore di riferimento durante l’anno in corso. Il candidato avrà a disposizione due supervisioni gratuite in vivo a partire dalla fine delle lezioni del IV anno fino alla prima sessione utile per la discussione della tesi. Eventuali ulteriori supervisioni in vivo necessarie per il completamento del lavoro saranno a carico dell’allievo in accordo col docente di riferimento, il numero massimo  delle supervisioni non può superare le 4 o 5 complessive (costo concordato con il docente di 50,00 euro).

Le supervisioni devono essere certificate e la relativa documentazione inviata alla Segreteria Didattica (direzione@psicoterapiadinamicabreve.it) entro il 15 marzo (sessione primaverile) / 15 settembre (sessione autunnale)

Art. 4- Indicazioni per la preparazione della tesi

Si richiamano alcuni elementi utili per una buona organizzazione del documento clinico-scientifico.

  1. Una Tesi di Psicoterapia svolta con Supervisore (Caso Clinico)

Per quanto riguarda la relazione sul lavoro di psicoterapia essa si articola in un percorso espositivo clinico costituito da:

  • -storia clinica di vita della persona-paziente;
  • -storia del lavoro di terapia e di supervisione;
  • -analisi degli elementi di metodo;
  • -descrizione del percorso evolutivo della persona/paziente e del candidato/terapeuta;
  • -valutazione dell’esperienza (narrativa del terapeuta) .

Nello specifico:

  • Autoritratto professionale;
  • Relazione sull’esperienza di apprendimento fatta durante il training;
  • Analisi del caso:
    1. Dati personali
    2. Contesto dell’invio e problemi presentati: invio; problemi evidenti al momento dell’invio; condizioni al momento dell’invio; prime impressioni e diagnosi iniziale;
  • Accordi ed impegni iniziali di terapia;
  1. Storia: storia familiare (eventuale sviluppo ed analisi del genogramma); storia evolutiva; storia lavorativa; storia medica;
  2. Diagnosi: diagnosi secondo il modello teorico psicodinamico in ottica integrata, secondo gli esiti di test e reattivi diagnostici e secondo il DSM-V;
  3. Programma di trattamento;
  • PERCORSO TERAPEUTICO: le varie fasi strategiche (inizio terapia, alleanza, fine e separazione);
  • Integrazione teorica con rimandi ai modelli ed autori di riferimento;
  1. Bibliografia (con note a piè di pagina e rimandi in bibliografia finale)

Formattazione del Testo

  • tipo di carattere: Times New Roman;
  • dimensione carattere: si consiglia di utilizzare la dimensione 12
  • interlinea: 1,5 cm;
  • giustificare: il testo, le note e la bibliografia;
  • fissazione dei margini della pagina: 3,5 sx, 3,0 altri margini;
  • copertina: fare riferimento all’allegato;
  • numerazione delle pagine: in basso-allineamento: centrato (max 150 );
  • la stampa della tesi deve essere eseguita fronte, con

 

Dal documento (tesi) deve risultare con chi il candidato ha svolto supervisione della storia e con quale frequenza.

Obbligatoriamente, in aggiunta, il file della registrazione audio o video, di sequenze dell’esperienza terapeutica, condotte a termini di legge, con conseguente analisi e discussione.

  1. Una Tesina di argomento Clinico Psicoterapeutico inerente al Modello della Scuola

Il candidato argomenterà nella tesina 3 temi di una lista di 30 punti cardine che definiscono e inquadrano il modello psicodinamico breve, secondo l’approccio della Scuola IAF di Pescara. Due di questi temi verranno proposti dalla Scuola e uno verrà scelto dallo stesso specializzando.

La tesina è costituita da:

  • un’introduzione relativa a quello che è stato il percorso di formazione personale (come ci si sente terapeuti dinamici brevi)
  • una parte dove analizzare nello specifico i temi

L’elaborato è costituito secondo modalità consuete per la redazione di un lavoro scientifico:

  • Titolo, autore, relatore, correlatore e parole chiave;
  • Piano di esposizione con relativo indice di pagine;
  • Review recente sull’argomento clinico terapeutico prescelto e sviluppo della tesi specifica;
  • Conclusioni in relazione al percorso di studio e di ricerca compiuto sull’argomento;
  • Riferimenti bibliografici (con note a piè di pagina e rimandi in bibliografia alla fine di ogni singolo tema);
  • Stampa in fronte-retro;
  • Power point

Art. 5- Tempistica

Sono previste due sessioni annuali di tesi:

  • sessione primaverile (Aprile/maggio);
  • sessione autunnale (Ottobre/novembre).

Le date esatte verranno comunicate tramite mail.

Modulo Richiesta Tesi

Il candidato che intenderà discutere la tesi deve fare richiesta tramite Modulo di Richiesta Tesi, nel quale indicherà  la scelta del relatore e il titolo provvisorio.

La consegna del Modulo di Richiesta Tesi è prevista:

  • entro il 15 luglio del IV anno in corso (sessione primaverile)
  • entro il 15 febbraio (sessione autunnale)

Art. 6- Domanda di Ammissione all’Esame di Diploma

I candidati, in regola con la propria posizione formativa e amministrativa (espletamento ore di tirocinio, ore di analisi personale, ore didattiche/seminari clinici ed esami e tasse annuali) possono e devono  presentare la Domanda di ammissione all’esame di diploma, la quale include il Versamento della Tassa e la  Dichiarazione d’idoneità alla discussione.

La domanda può essere inviata tramite mail a direzione@psicoterapiadinamicabreve.it o consegnata a mano presso la Segreteria Didattica in Via Michelangelo, 14-Pescara il 15 marzo (sessione primaverile) / 15 settembre (sessione autunnale).

Tesi e Tesina

I candidati devono inviare la tesi e la tesina all’indirizzo mail direzione@psicoterapiadinamicabreve.it  e/o consegnare a mano presso la Segreteria Didattica in copia cartacea entrambi gli elaborati (1 copia della tesi e 1 copia della tesina con rilegatura semplice a spirale) entro  il 15 marzo (sessione primaverile) / entro il 15 settembre (sessione autunnale).

Si consiglia al candidato di conservare una copia digitale della tesi per eventuali usi futuri.

Elaborati definitivi

La consegna della tesi definitiva rilegata (si sconsigliano quelle costose e pesanti) e tesina rilegata definitiva (entrambi con il frontespizio della Scuola) è prevista 15 giorni prima dalla data di discussione.

Art. 7. Costituzione della Commissione di Specializzazione

La Commissione di Specializzazione, nominata dal Direttore della Scuola, è composta da almeno 3 componenti, tra cui il relatore, e in aggiunta eventuali docenti/relatori. Possono altresì far parte della Commissione anche docenti e esperti esterni.

Art. 8. Assegnazione del punteggio

La Commissione, dopo discussione riservata e segreta, applicando un criterio di valutazione sintetico che riguarderà sia l’intero percorso formativo, sia il contenuto degli elaborati, sia la presentazione e la qualità della discussione orale, esprimerà il proprio giudizio sul singolo candidato in modo unitario e unanime, attribuendo a suo insindacabile giudizio il voto finale di Diploma, che sarà espresso numericamente, senza motivazione, da un minimo di 30/50 ad un massimo di 70/70.

Nella ipotesi la maggioranza dei membri della Commissione ritengano che il candidato non abbia dimostrato di avere acquisito le competenze necessarie all’esercizio della professione di psicoterapeuta, la Commissione, a suo insindacabile giudizio, inviterà il candidato a ripresentarsi ad una successiva sessione d’esame.

Art. 9. Proclamazione

Lo svolgimento dell’esame finale di specializzazione è pubblico, l’atto della proclamazione del risultato finale avviene al termine della discussione delle Tesi.

Menu